Riconoscimenti Campo Buri

foto gold awards cappuccina 2018 s

CAMPO BURI 2013

Conquista la Medaglia ORO al concorso internazionale dei vini biologici 2018 in Germania, danke!

94 punti – ORO  GOLD medal  

****************************************

è stato premiato al concorso internazionale IWC International Wine Challenge 18 – UK  con il riconoscimento di “Commended”.

***********************************************

Slow Wine

Il CAMPO BURI 2013 (da uve carmenere ed oseleta)

***********************************************

Gambero Rosso 2019  – 2  bicchieri

***********************************************

Veronelli 2019  – 2  stelle

Vinetia  Veneto Sommelier – 3  rosoni

*******************************************************

CAMPO BURI 500 new

CAMPO BURI 2012

 

Slow Wine 2018

la scelta di conseguire la certificazione biologica, tra i primi in zona,  è stata un passaggio naturale: questo approccio era insito nel DNA dell’azienda, che ha sempre sostenuto l’importanza di rispettare l’ambiente e offrire al consumatore prodotti sostenibili e di qualità.

Il CAMPO BURI 2012 (da uve carmenere ed oseleta)

con i suoi profumi di frutta rossa, chiodi di garofano e spezie.

***********************************************

Veronelli 2018 – 2 stelle

***********************************************

Gambero Rosso 2018 – 1 bicchiere  … sottostimato!

La grande attenzione dell’ambiente oggi diffusa, ha radici antiche, visto che La Cappuccina è tra le prime aziende che ha ottenuto la certificazione biologica.

 

Vinetia 2018 Veneto Sommelier – 3 rosoni

Granato dai riflessi rubini, fitto. L’olfatto è raggiunto da intense note di confettura di mirtilli, sciroppo di amarene, rabarbaro, pepe nero, noce moscata, ginepro, cuoio e foglie di menta. L’incipit morbido al palato è presto sorretto da tannini grintosi, freschezza e progressione sapida. Chiusura lunga tra sensazioni fruttate e vegetali.

Barrique per circa 15 mesi, quindi un anno in bottiglia.

*******************************************************

CAMPO BURI 2011 silver biomillesime 2016 s

CAMPO BURI 2011

conquista la  medaglia Argento al “the International organic wine 2016
by Wine System Ag nella categoria dei vini rossi – in Frasdorf, Germania. danke!

CAMPO BURI è Argento con  87 par-punkten / punti
Silver award at the International organic wine 2016
by Wine System Ag in the category red wine – in Frasdorf, Germany. danke!

VITAE 2016 guida Associazione Italiana Sommelier – 4 tralci

Rubino cupo con sfumature granato, denso. Ammalia l’olfatto con sfumature speziate, anche note fresche, il cardamomo, e appena agrumate, il chinotto, le erbe aromatiche, la maggiorana, solo appena erbaceo. Apre poi ai frutti di sottobosco, il ribes nero. Al palato potente e setoso con un tannino ben presente ma sotto traccia, persistente e appagante, con ritorni chinati. A lungo scambiato per cabernet franc, è un ottimo esempio delle potenzialità del carmenere nell’est veronese.

Slow Wine 2017

I fratelli Tessari de La CAPPUCCINA, che possono vantare una certificazione biologica trentennale, portano avanti con spirito immutato una delle più belle storie di attaccamento al territorio di questa parte del Veneto vitivinicolo.

Lo stile dei vini tende ad esaltare le uve tipiche della zona.

Il CAMPO BURI 2011 (da uve carmenere ed oseleta) mischia bene internazionalità e territorio.

Gambero Rosso 2017 – 2 bicchieri

Le vigne, tutte coltivate a spalliera, sono condotte in regime biologico da oltre trent’anni facendo de la Cappuccina una delle aziende storiche di questo territorio.

Vinetia 2017 Veneto Sommelier – 3 rosoni

Una villa settecentesca, il cui campanile della cappella dei Cappuccini simboleggia l’azienda in etichetta, fa da cornice alla moderna cantina della famiglia Tessari, dove i fratelli Pietro, Sisto ed Elena con passione portano avanti una viticoltura in regime biologico dal 1985, primi nella zona del Soave. Una storia di quattro generazioni e un profondo legame con il territorio.

Granato fitto, denso. Naso intenso ed inebriante nei riconoscimenti di violetta, di marasca, mora, ribes e pepe nero e un garbato sfalcio d’erba. Si susseguono piacevolissime note medicinali che lentamente si aprono e ci trasportano verso china e di rabarbaro senza mai messere invadenti. Forza e carezza nel sorso con tannicità docile e freschezza ben fusa, in composto equilibrio. Sapido il crescendo finale. Un idea di carmenère che rifugge dai toni più vegetali del varietale in cambio di inusitata eleganza, da grande rosso. Matura 15 mesi in barrique.

campo buri 11 festambiente16 la cappuccina s

CAMPO BURI 2011

selezionato e premiato tra i vini Rossi affinati alla XXVI Rassegna Degustazione dei Vini Biologici e Biodinamici a Festambiente 2016 in Toscana a cura di Legambiente e con il patrocinio del Dipartimento di Scienze Agrarie, Alimentari e Agro-Alimentari.

Grazie!

bio2015campoburi

CAMPO BURI 2010

conquista la GOLD award/ medaglia ORO al “the International organic wine 2015 
by Wine System Ag nella categoria dei vini rossi – in Frasdorf, Germania. danke!

CAMPO BURI è ORO con 91 par-punkten / punti
GOLD award at the International organic wine 2015
by Wine System Ag in the category red wine – in Frasdorf, Germany. danke!

millesime2015 campo buri midi

CAMPO BURI 2010

Medaglia Argento al Challenge Millésime Bio 2015 a Montpellier, France

Slow Wine da Slow Food 2015 

“Speziato e pieno.”

Bibenda Ais Sommelier  2015 –  4 grappoli

“Sentori di ribes nero, mirtillo e note speziate di pepe e chiodi di garofano. Gusto pieno ed quilibrato, sorretto da freschezza e tannino mature.”

 Gambero Rosso 2015 –  2 bicchieri

I Vini di Veronelli  2015 – 2 stelle **

 I Vini d’Italia  2015 –  2 bicchieri

“Molto fragrante, corposo e speziato.”

123

CAMPO BURI 2009

conquista la GOLD award/ medaglia ORO al “the International organic wine 2014
by Wine System Ag nella categoria dei vini bianchi – in Frasdorf, Germania. danke!
GOLD award at the International organic wine 2014
by Wine System Ag in the category white wine – in Frasdorf, Germany. danke!

dalla guida Vini d’Italia Gambero Rosso 2013 2 bicchieri
rosso dai profumi nitidi in cui il frutto rosso, le spezie e le erbe alpine si fondono perfettamente, mentre al palato il vino rivela pienezza, potenza e un buon rigore.
dalla guida Slow Wine di Slow Food 2013 Campo Buri 2009 dai sentori speziati
dalla guida Bibenda dell’Ais 2013 4 grappoli
Bordo granato tendente all’aranciato. Visciole sotto spirito, viole, cassis, vaniglia, cacao, mallo di noce e una brezza balsamica aprono a un assaggio robusto e di gran corpo, corredato da tannino fitto e da viva freschezza. Persistenza lunga su toni fruttati. Matura in barrique per 13 mesi. Coniglio porchettato.
dalla guida I vini d’Italia Espresso 2013
speziato e maturo, esibisce al palato una materia ricca e tannini abbondanti, con finale tra il piritico e il tostato.
dalla guida ai Vini d’Italia Bio 2013 corona 2013
Uno dei grandi classici di questa Guida, ottenuto da uve carmenère e oseleta, ha colore scuro, naso vorticoso, progressivo e maturo di amarene, che ingloba poi sensazioni di fieno, erbe aromatiche, cioccolato; la bocca è piena, vitale, ha tratteggi minerali, con appaganti spunti di dolcezza offerti da un frutto maturo e complesso.

103

CAMPO BURI 2007

Conquista la Germania e si aggiudica, anche quest’anno, la prestigiosa medaglia d’argento al MUNDUS VINI BIOFACH 2012, il concorso internazionale organizzato dalla Fiera del Biologico di Norimberga e la casa editrice tedesca Mundus Vini. Il premio, che ha visto la partecipazione di oltre 700 etichette provenienti da tutto il mondo, ha potuto contare su una giuria di esperti, composta dai più autorevoli degustatori a livello internazionale.
Vini d’Italia Gambero Rosso 2011 2 bicchieri
Il Campo Buri è un blend di oseleta e cabernet franc leggermente appassite che donano al vino aromi intensi e una ricchezza gustativa davvero notevole.
dalla guida Slow Wine di Slow Food 2011
Due interpretazioni anche per l’uvaggio carmenere e oseleta, morbido e speziato nel Campo Buri 2007, intenso, con note di frutto rosso quasi candito nella versione passita Carmenos.
dalla guida ai Vini d’Italia Bio 2011
Gran temperamento, come al solito, per il Campo Buri, 90% carmenere (una variante clonale del cabernet franc) e saldo della tradizionale uva oseleta, si affina in barrique per oltre un anno. Stratificato corredo olfattivo dove dominano note di pepe, tratteggi verdi complessi e una leggera impronta tostata, ha al palato un temperamento elegante e convincente sotto il profilo della complessità. Resta qualche spigolo tannico giovanile che si ricomporrà con l’ulteriore affinamento in vetro.
Menzione miglior vino Rosso invecchiato alla XX Rassegna Vini Biologici Festambiente 2010

102

CAMPO BURI 2006

Vincitore della Medaglia Argento Concorso Mundus Vini BioFach Germania 2010
Duemilavini dell’Ais 2010 4 grappoli
Campo Buri 2006 Carmenere 90% e Oseleta 10% Tonalità rubino. Dispiega profumi di more, prugne disidratate, china, liquirizia, spezie balsamiche e un’idea di tabacco. Assaggio sostanzioso e di notevole struttura, avvolgente tessitura tannica, persistenza che evoca spezie e china. Maturazione in barrique per 14 mesi. Con Braciole di maiale alla griglia.
Vini Italiani di Maroni 2010 85 punti
Vini d’Italia Gambero Rosso 2010 2 bicchieri
Ricco e irrequieto Campo Buri ’06, frutto di cabernet franc e oseleta.
Guida ai Vini d’Italia Bio 2010
Corona – tra i migliori vini del Veneto e d’Italia – Uno dei nostri vini del cuore il Campo Buri, ottenuto da carmenère e oseleta.
Menzione miglior vino Rosso invecchiato alla IXX Rassegna Vini Biologici Festambiente 2009

campo_buri

CAMPO BURI 2005

Vini d’Italia Gambero Rosso 2009 2 bicchieri
Molto buono anche il Campo Buri 2005, un vino che è nato come cabernet franc in purezza qualche lustro fa, e che oggi invece si presenta come un rosso prodotto con uve carmenère e oseleta passite, potente e austero.

tra i migliori vini rossi nella guida dei Vini d’Italia Bio 2009 da una sapiente cernita di uve carmenére e oseleta, da tempo presenti in azienda, si ricava il vino più importante: Campo Buri. Le prime sensazioni olfattive hanno un tono dolce che rimanda alla surmaturazione del frutto, con un tono speziato che piano piano tende a prendere possesso del bagaglio aromatico; al palato domina un’inaspettata (date le premesse del naso) acidità, quasi tagliente, e tannini grintosi fusi in un registro austero, sapido ed elegante. Spiazzante e neanche facile se amate i vini fruttati. Noi ne abbaino apprezzato il carattere imbronciato.

CAMPO BURI 500 new

CAMPO BURI 2004

Wine Spectator April 30, 2007
A good vein of juicy black currant runs through this lightly spiced, fruity red. Firm and fruity on the finish. A pleasant, easy drinker. Carmenère and local Oseleta. Drink now.

Duemilavini Ais 2008 4 grappoli
Rubino venato di porpora. Sulle fragranze di marasca, ribes, cannella, peonia e pepe spira un vento vegetale. In bocca, la freschezza e la garbata tannicità ne velano lievemente la morbidezza. Barrique per 14 mesi.

Vini d’Italia Gambero Rosso 2008 2 bicchieri
Campo Buri, un blend di Carmenere e Oseleta: ha profumi di frutto maturo che ricordano l’appassimento, fanno eco sfumature minerali e di erbe aromatiche. In bocca il vino è ancora più convincente, in virtù di un corpo solido e imponente, che mantiene però agilità e freschezza gustativa.

tra i migliori vini rossi nella guida dei Vini d’Italia Bio 2008 Elegante espressione di carmenère e oseleta, non rinuncia a un palato tonico, scattante, modulato su sfumature speziate e fruttate complesse, profondo quanto calibratissimo anello sviluppo gustativo. E tornano anche i nostri più complimenti alla famiglia Tessari per questo magnifico rosso.

campo_buri

CAMPO BURI

Duemilavini dell’Ais 2007
4 grappoli
Rubino con note di mora matura, viola, pepe verde, liquirizia e tabacco, tutto fuso ad eleganti note balsamiche. Equilibrato e persistente al palato. Maturazione per 14 mesi in barrique.

Vini Bio d’Italia 2007
Sebbene non si possa considerare il carmenère come vitigno italico, è talmente ben acclimato in Veneto da dare vini di rilievo assoluto. Anche il Campo Buri, costruito con l’ausilio di un piccolo saldo dell’autoctona uva oseleta, utilizza l’uva francese. Il 2003 si presenta intensamente profumato di mirtilli e lontane sfumature di pepe bianco; la grande presenza di frutto è ben percepibile anche al gusto, succoso e molto morbido.

 

Vini d’Italia Gambero Rosso 2006
2 bicchieri e 1/2
Di colore rubino evoluto, offre un naso ricco con interessanti note di erba secca, fiori e frutti macerati, tabacco e spezie; la bocca ha un buon persistenza con le sensazioni olfattive, risultando armoniosa e ben fusa con il tannino.

Duemilavini Ais 2006
4 grappoli
Luminoso rubino. decisi sentori di frutti di bosco e ribes nero maturo, sandalo, vaniglia, pepe nero e tabacco, tutto fuso a note erbacee e balsamiche. Al palato è morbido e fresco, perfettamente equilibrato tra buona alcolicità e un tannino elegante ed evoluto. Finale lungo e speziato. Matura in rovere per 14 mesi.

Vini d’Italia Bio 2006
Da uve carmenere con una piccola aggiunta di oseleta, il Campo Buri si segnala per intense note di tabacco, rabarbaro e frutta matura, al palato attacca morbido e coerente con una sottile vena speziata, lo sviluppo è meno impetuoso del solito ma il finale piuttosto elegante con belle note di pepe bianco.

campo_buri

CAMPO BURI

Vini d’Italia Gambero Rosso
3 bicchieri

 

Vini d’Italia Gambero Rosso 2003
2 bicchieri

The WINE ADVOCATE – Robert Parker – dec. 31.2002
87 points Campo Buri ‘99

campo_buri

CAMPO BURI

Veronelli Guida Oro 2005
2 stelle

Vini d’Italia Gambero Rosso 2004
2 bicchieri “ha sfoderato la consueta classe”

Guida Vini d’Italia Bio 2004
“al naso rimanda a note vegetali di peperone mitigate da speziature di chiodi di garofano e leggera vaniglia. Eleganza e compostezza sono subito evidenti al palato, di notevole pienezza di gusto”.

Cucina naturale edizione luglio-agosto 2003
“un affascinante vino prodotto dall’azienda veneta, ben nota per la sua gamma di bianchi e da tempo attiva nella produzione biologica. Il vino ha un bel colore purpureo, particolarmente fitto e scuro, profumi intensi di ciliegia e tonalità terragne e vegetali con piena e lunga conferma al palato

Luca Maroni Guida Vini d’Italia 2004
79 punti

campo_buri

“Duemilavini” AIS 2005
4 grappoli “Bella prova anche quest’anno per il rosso di punta dell’azienda. Rubino con unghia sfumata ai bordi. Ha naso di mirtillo e mora, sentori lattici misti a vegetali, sottile nota boisé. In bocca ha equilibrio perfetto, con tannino matura, morbidezza accentuata, finale molto persistente. Vinificazione in acciaio per 40 giorni, maturazione in barrique per 12 mesi. Sfiora i 5 grappoli. Stupendo su una terrina di lepre.

Vini d’Italia Gambero Rosso 2005
2 bicchieri

Veronelli Guida Oro 2004
2 stelle

Vini d’Italia Bio 2005
“magnifico vino rosso da carmenere, più piccole percentuali di oseleta, è tra i primissimi rossi della guida. Rubino violaceo, al naso risulta molto intenso ed elegante nelle sensazioni di pepe biano, piccoli frutti rossi e spezie. L’armonia e la finezza della bocca toccano vette altissime. La struttura di tutto rispetto e una dinamica inarrestabile rendono il finale indimenticabile

miglior vino alla X Rassegna Internazionale Vini Bio 2005 Verona