Guida Slow Wine 2020

Guida Slow Wine 2020

VITA   Le origini di questa realtà storica risalgono al 1890, ma La Cappuccina si è sempre distinta per il suo sguardo rivolto al futuro: prima, a seguito della gelata del 1985, ha sostituito i vigneti e ha iniziato la conduzione biologica, poi ha acquisito i vigneti del Monte Stelle, realizzato la cantina e la barricaia negli anni Duemila, e infine restaurato la cappella del Settecento.
I fratelli Tessari, Elena, Sisto e Pietro, conducono in modo collegiale e con rigore questa splendida azienda.


VIGNE   I 42 ettari sono distribuiti intorno a Villa Buri, la casa padronale, e alla cantina di Monteforte d’Alpone, e in collina, su basalti rocciosi, dove si trovano i cru San Brizio e Monte Stelle a Costalunga, con splendide visuali sul Soave.
Ben curati, sempre arieggiati, in alcuni casi sono stati mantenuti i vecchi impianti ampi e ben esposti, alternati agli olivi: ”Quando ho bisogno di rilassarmi e prendere energia, vengo qui e tutto passa”, ci ha detto Elena accompagnandoci durante la visita.


VINI   I vini rappresentano l’eleganza di questa famiglia.
Ci piace molto il Soave Fontègo 2018, con i sentori di frutta matura, una buona freschezza e complessità da vendere in bocca.
Il Soave San Brizio 2017 profuma di miele e spezie, ed è polposo e lungo.
Semplice e gradevole il Soave 2018. 
Note erbacee e speziate per il Campo Buri 2015 potente e corposo. 
Si chiude in gradevole dolcezza con il Recioto di Soave Arzimo.

grazie per la bella recensione!